Blog

Hai perso la diretta del 28 Maggio? Clicca qui per vederla!

Il 28 maggio si è svolto il secondo evento in streaming di Cultura è Salute: il network – www.culturaesalute.it – seguita a crescere e offre un panorama, mese per mese, più ricco e differenziato di realtà associative, fondazioni, singole personalità che lavorano nel campo dell’arteterapia, musicoterapia, teatro sociale e altro ancora in ambiti diversi, che vanno dai minori alla terza età, fino alla disabilità fisica e mentale.

Sentiamo perciò l’urgenza, tanto più in questo periodo di pandemia, di farlo conoscere ad un pubblico sempre più vasto e in particolare alla comunità dei medici e di tutti gli operatori sanitari. 

Ci sforziamo di mettere in campo tutte le azioni possibili che favoriscano lo scambio di esperienze e dei saperi per riaffermare il valore della creatività e della cultura per lo sviluppo dell’individuo e per il benessere della persona anche come cura preventiva.

Il nostro percorso è arrivato alla seconda tappa con l’evento del 28 maggio: la domanda è sempre la stessa, perché non ci stanchiamo di interrogarci, Cultura è Salute?  E questa volta i nostri interrogativi si concentrano su cultura e cura: cura di sé e formazione dei curanti, anche alla luce dei fondamenti biologici e neurobiologici”. Ne abbiamo parlato con alcune personalità della comunità scientifica che condividono le finalità del nostro progetto e che ci hanno dato la loro disponibilità ad intervenire e a raccontarci il loro punto di vista, le loro esperienze, i loro studi svolti intorno a questo intreccio, ricco di risvolti e foriero di sviluppi. Sono stati con noi:

  • Francesca Fava – Responsabile Teatro settore Campus Life, Università Campus Biomedico di Roma Fava
  • Enzo Grossi – Medico Chirurgo.  Docente di Cultura e Salute all’Università di Torino. Direttore Scientifico Fondazione Villa Santa Maria
  • Marco Iosa – Prof. associato al Dipartimento Psicologia presso L’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” e Ricercatore dell’IRCCS Fondazione Santa Lucia nel campo dell’uso delle arti e delle tecnologie per la neuroriabilitazione e le neuroscienze
  • Christian Pristipino – Cardiologo interventista, Board European Association Of Systems Medicine 

Hanno condotto dalla sede di Club Medici

Fabrizio Consorti – Chirurgo, ricercatore e docente universitario alla Sapienza di Roma. Presidente Comitato Scientifico di CèS

Vincenza Ferrara – Storica dell’Arte e membro del Comitato Scientifico di CèS

Inoltre durante l’evento hanno partecipato varie associazioni del network – attive nel territorio nazionale e che operano per la promozione della buona cura, della cura di sé e della formazione degli operatori sanitari- che hanno condiviso con noi i loro progetti, le loro esperienze, le loro ambizioni.

L’obiettivo è comune: far crescere nel mondo della salute e nella società tutta la consapevolezza che

SENZA CULTURA NON SI PUÒ STARE BENE!

Cerca

Ultime News

Il 28 maggio si è svolto il secondo evento in streaming di Cultura è...

Siamo lieti di condividere una bellissima lettera, scritta da Fëdor Dostoevskij e che traiamo...

L’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano in collaborazione con Ændo - Associazione Italiana Dolore...

L'Ufficio Stampa di Club Medici ha approfondito la conoscenza dell'Associazione Medici Scrittori...

E' partita la terza edizione del concorso letterario e iconografico di Medicina Narrativa dal...

Nell’hub vaccinale della ASL RM 5 di Tivoli, nelle Scuderie Estensi, un giovane arrivato per la...

La Redazione di Club Medici ha approfondito il progetto CinemaInOspedale con Rosa Ferro,...

Anche l'Unione Europea riconosce l'importanza delle medical humanities come supporto alle cure...

Un’iniziativa unica in Italia e in Europa: per la prima volta, una casa editrice e un ospedale si...

UNA VISITA MEDICA…. PARTICOLARE OVVERO “INNO  AL NOBIL VEZZO DEL RUSSARE”   Di Gian...

ACCESSO ENTI