Blog

LA CURA, nuova collana editoriale de "La nave di Teseo" in collaborazione con Fondazione Meyer

Un’iniziativa unica in Italia e in Europa: per la prima volta, una casa editrice e un ospedale si uniscono per offrire ai lettori una prospettiva inedita sul concetto di cura.

Scienze medico-biologiche, umanistiche, letterarie e visive contribuiscono integrandosi a creare una nuova cultura per i pazienti, per i professionisti e i cittadini. L’obiettivo è promuovere i diritti fondamentali della persona malata o in condizioni di fragilità e diffondere una visione globale della medicina, e di altre scienze della cura a essa integrate, che tenga conto anche dei bisogni psico-emozionali e spirituali, considerati parte inscindibile dell’intero percorso di cura e valori fondamentali del vivere sociale solidaristico.

“La cura” dunque, non solo nel senso proprio della medicina ma anche in quello del prendersi cura, della attenzione, della comprensione.

 

La cura – intesa come rapporto tra medico e paziente – attraversa la storia dell’umanità e si modifica con essa: dalla medicina dei primordi alla iper-specializzazione dei nostri giorni, il valore del prendersi cura (I care) scandisce la sua evoluzione e ne indirizza diagnosi e terapia. Oggi, nella postmodernità, all’apice del suo successo, la medicina è scossa da un’ennesima rivoluzione: scompaiono i concetti di malattia e salute strettamente intesi, per lasciare spazio al nuovo concetto di ben - essere; si aprono le nuove sfide rappresentate dalla bioetica, dall’epigenetica e dall’ingegneria molecolare nel mondo globalizzato e interconnesso; la medicina positivista occidentale è costretta a rapportarsi con le medicine alternative e tradizionali dell’Oriente; infine, si inizia a indagare e a sperimentare l’efficacia di cultura, arte e musica nel percorso terapeutico. Questo saggio – lucido, puntuale e illuminante – mira non solo a ripercorrere la storia di un’attività tanto complessa quanto indispensabile, ma anche e soprattutto a delineare il senso ultimo della cura nella comunità di destino. E lo fa cercando di rispondere a un interrogativo che è anche una sfida: può oggi la scienza, e in particolare quella medica, valutare l’essere umano nella sua complessità e, in un futuro che è già qui, accompagnarlo in una evoluzione che si preannuncia radicale?

 

Cerca

Ultime News

Il 28 maggio si è svolto il secondo evento in streaming di Cultura è...

Siamo lieti di condividere una bellissima lettera, scritta da Fëdor Dostoevskij e che traiamo...

L’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano in collaborazione con Ændo - Associazione Italiana Dolore...

L'Ufficio Stampa di Club Medici ha approfondito la conoscenza dell'Associazione Medici Scrittori...

E' partita la terza edizione del concorso letterario e iconografico di Medicina Narrativa dal...

Nell’hub vaccinale della ASL RM 5 di Tivoli, nelle Scuderie Estensi, un giovane arrivato per la...

La Redazione di Club Medici ha approfondito il progetto CinemaInOspedale con Rosa Ferro,...

Anche l'Unione Europea riconosce l'importanza delle medical humanities come supporto alle cure...

Un’iniziativa unica in Italia e in Europa: per la prima volta, una casa editrice e un ospedale si...

UNA VISITA MEDICA…. PARTICOLARE OVVERO “INNO  AL NOBIL VEZZO DEL RUSSARE”   Di Gian...

ACCESSO ENTI