Blog

Inaugurata al Policlinico Gemelli di Roma "Burn out: una spirale in movimento”: opera realizzata dal personale infermieristico dell’Oncologia Pediatrica nel laboratorio di ceramico-terapia di Fondazione Lene Thun

L'opera collettiva "Burn out: una spirale in movimento", appena inaugurata alla presenza del Presidente della Fondazione Lene Thun Peter Thun e della sua Direttrice Paola Adamo, insieme al Prof. Antonio Ruggiero (Responsabile dell’Unità Operativa di Oncologia Pediatrica) e della Dottoressa Antonella Guido (psicologa e psicoterapeuta del reparto), nasce dal Progetto Sperimentale “ArtOut” iniziato nel 2022 e finanziato da Fondazione Lene Thun Onlus : ha coinvolto il personale di Oncologia Pediatrica del Gemelli utilizzando la ceramico-terapia e i suoi benefici, per migliorare il clima emotivo del team intervenendo sugli aspetti dannosi dell’ambiente lavorativo, e proseguirà anche nel 2024.

«ArtOut» è intervenuto proprio su questi aspetti, rendendo visibili, attraverso l’argilla, i pensieri, i vissuti e le emozioni complesse con l’obiettivo di attutire e prevenire gli effetti del “Burn out” negli operatori sanitari che operano in oncologia pediatrica: si tratta infatti di figure impegnate in relazioni “professionali” che sollecitano il canale emotivo costantemente, e in cui le emozioni create dal bambino malato possono creare complessi meccanismi psichici e portare a situazioni stressanti.  

Con lo scopo di prevenire gli effetti del burn out è stata quindi progettata, in collaborazione con Matilde Tibuzzi (ceramista arteterapeuta di Fondazione Lene Thun) e la Dottoressa Antonella Guido (psicologa e psicoterapeuta dell’Oncologia Pediatrica del Gemelli) un’attività di team building che segue il principio della terapia ricreativa e dei laboratori di ceramico-terapia di Fondazione Lene Thun. Il personale infermieristico è stato coinvolto in un ciclo di incontri in cui ha potuto confrontarsi sugli elementi di rischio e sulle risorse del contesto lavorativo, lasciando traccia di questi contenuti attraverso la manipolazione guidata dell’argilla. Il percorso ha dato rilievo al processo di creazione attraverso modalità di comunicazione espressiva non verbale che si sono integrate ai focus group. Il lavoro artistico-espressivo ha favorito la manifestazione delle emozioni e della creatività, liberando energie psichiche conflittuali e promuovendo il benessere psicologico. Il percorso di gruppo ha avuto la funzione di rafforzare il senso di identità, i confini individuali e quelli di gruppo che possono essere tra loro sinergici.

Qui il comunicato della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS

Cerca

Ultime News

"La bellezza salverà il mondo", diceva il principe Miškin per mano dello scrittore russo Fëdor...

Attraverso un imponente progetto di restauro e riqualificazione, gli spazi dell’edificio...

Cagnolini nelle corsie degli ospedali pediatrici italiani e nelle scuole dell’infanzia, primarie e...

Abbiamo avuto il piacere di conoscere Margherita e Damiano Tercon - in arte I Terconauti - negli...

 Apre a Trevi (PG) la residenza d’artista organizzata dalla Federazione Nazionale delle...

Alcuni resoconti delle riunioni tra medici, infermieri e pazienti nell’ospedale di Gorizia furono...

Il progetto "Lo spazio che cura" è stato sviluppato dalla Fondazione Policlinico Sant'Orsola per...

Domenica 17 Marzo alle ore 11 si svolgerà a Roma presso la "Galleria Sonora" (Via Trebula, 5), la...

Sapevate che a Roma è presente il Museo Nazionale di Storia dell'Arte Sanitaria? Ideato dai...

ACCESSO ENTI