Blog

Monza: al "Paese Ritrovato", il declino cognitivo si contrasta anche con l'arte

La bellezza trasmessa dall'arte come cura implicita, da affiancare a medicina e a tecnologia per contrastare il declino cognitivo: a “Il Paese Ritrovato” di Monza, primo villaggio in Italia per persone con malattie neurodegenerative, le persone con vari livelli di demenza visitano mostre e musei, recitano, scrivono poesie, dipingono.

Paola Perfetti, drammaterapeuta, si occupa delle attività emotivo-relazionali che gli ospiti della Cooperativa Sociale "La Meridiana" scelgono liberamente.  «Con la bellezza dell’arte tocchiamo il lato immaginario sensibile e attiviamo una comunicazione che va oltre la parola, spesso compromessa a causa della demenza. L’arte facilita il contatto, la bellezza non è solo estetica ma anche morale: colpisce la memoria e sentimenti», spiega.

Vi consigliamo di leggere questa bellissima esperienza raccontata su Vita.it da Arianna Monticelli

Cerca

Ultime News

"La bellezza salverà il mondo", diceva il principe Miškin per mano dello scrittore russo Fëdor...

Attraverso un imponente progetto di restauro e riqualificazione, gli spazi dell’edificio...

Cagnolini nelle corsie degli ospedali pediatrici italiani e nelle scuole dell’infanzia, primarie e...

Abbiamo avuto il piacere di conoscere Margherita e Damiano Tercon - in arte I Terconauti - negli...

 Apre a Trevi (PG) la residenza d’artista organizzata dalla Federazione Nazionale delle...

Alcuni resoconti delle riunioni tra medici, infermieri e pazienti nell’ospedale di Gorizia furono...

Il progetto "Lo spazio che cura" è stato sviluppato dalla Fondazione Policlinico Sant'Orsola per...

Domenica 17 Marzo alle ore 11 si svolgerà a Roma presso la "Galleria Sonora" (Via Trebula, 5), la...

Sapevate che a Roma è presente il Museo Nazionale di Storia dell'Arte Sanitaria? Ideato dai...

ACCESSO ENTI