Blog

Un percorso autobiografico realizzato con 15 donne pazienti oncologiche che diventa uno spettacolo teatrale per dare voce alla malattia e trovare le parole per raccontarla, ma anche per condividerla e guarire dall’isolamento e dalla solitudine che spesso l’esperienza di malattia porta con sé: il 20 Ottobre alle 20.45, presso l'Auditorium dell'Università Cattolica Sacro Cuore di Roma si terrà questa emozionante performance progettata e condotta da Paola Albini (regista e drammaturga) e Natalia Piana (pedagogista ed esperta in Medicina Narrativa) della Franco Albini Academy: su RomaToday un articolo per approfondire

 

Photo Credit: Fondazione Onda

Un giardino terapeutico dedicato ai malati di Alzheimer che nascerà in uno spazio urbano pubblico: sarà in primo in Italia e si troverà nel cuore di Cesena dentro i giardini pubblici di via Giuseppe Verdi, grazie a un progetto firmato dalla Fondazione Maratona Alzheimer insieme ad Anap Confartigianato con la collaborazione del Comune di Cesena, e verrà realizzato da Andrea Mati, esperto nazionale in giardini terapeutici e docente al master in Orticoltura terapeutica dell'Università di Bologna.

L'obiettivo è quello di alleviare i sintomi della patologia e favorire la riconnessione con la natura, ma anche per far ritrovare un po' di serenità a chi assiste i malati di Alzheimer, come riporta Cesena Today in questo articolo

 

📷 Photo credit: Bruce A. on Unsplash

Attraverso l'Azienda Sanitaria Locale di Bari apprendiamo che "dalla Biblioteca Infopoint di Locorotondo è da poco partita la mostra “Spazi di bellezza, spazi di recovery”, il primo appuntamento per la mostra itinerante di opere pittoriche realizzate da utenti, caregivers e operatori del Centro di Salute Mentale Area 7 di Putignano, che si snoderà nei Comuni del territorio: dopo Locorotondo, Alberobello, Castellana Grotte, Noci, per poi approdare a Putignano il successivo 9 Ottobre, vigilia della Giornata Mondiale per la Salute Mentale. L'esposizione delle opere sarà accompagnata da eventi culturali rivolti alla cittadinanza, con l’intento di sensibilizzare la popolazione sui temi della partecipazione, inclusione e rispetto.

L’iniziativa, fortemente voluta dalla psichiatra Anna Maria Camposeo, direttrice del CSM, offre lo spunto per interrogarsi sulla bellezza nei luoghi di cura e sulla possibilità per gli utenti di sentirsi realizzati vivendo una vita soddisfacente, piena di speranza nonostante le limitazioni causate dalla propria condizione. Un CSM accogliente diventa un luogo di “recovery”, un processo profondo e unico di cambiamento delle attitudini, valori, sentimenti, obiettivi, abilità e ruoli.
 
Le opere in mostra troveranno la loro collocazione finale proprio all’interno del CSM di Putignano, appena sottoposto ad un intervento di ristrutturazione, divenendo così ancor più un bene comune in cui “si fa insieme”, dando valore alla creatività di ciascuno, per rilanciare la possibilità di dialogo e collaborazione in uno spazio capace di integrare tutti coloro che lo attraversano, superando lo stigma e favorendo il patto di fiducia tra cittadini e operatori."
 
Su Valle D'Itria News il programma dell'iniziativa

Nell'ambito della mostra “Ritratte. Donne di arte e di scienza”, giovedì 7 settembre alle ore 19.00 presso il Museo Carlo Bilotti di Roma si svolgerà l’evento “CURARE AD ARTE”: la bellezza come terapia; l’iniziativa è promossa da Fondazione Bracco in collaborazione con Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS – Gemelli ART , ed è volta ad approfondire l'importanza dell’arte come strumento di terapia medica.

 

Interverranno 

- Diana Bracco, Presidente di Fondazione Bracco

- Vincenzo Valentini, Direttore del Dipartimento di Diagnostica per Immagini, Radioterapia Oncologica ed Ematologia del Policlinico Gemelli

- Alfonsina Russo, Direttrice Parco Archeologico del Colosseo

- Enzo Grossi, medico e Advisor scientifico di Fondazione Bracco

 

 

Su Vita.it, Sara De Carli ci fa conoscere lo splendido impegno di Francesco Corti, direttore di orchestra e volontario presso la Fondazione Don Gnocchi nel raccontare l'opera lirica a coloro che sono affetti da morbo di Alzheimer, come lo fu suo padre; ed è bello sapere che, anche secondo la sua testimonianza, la musica e i suoi racconti risvegliano emozioni e sensazioni in molti di questi pazienti: incontri che arricchiscono lui e loro.

Vi consigliamo quindi la lettura di questo ottimo articolo !

Cerca

Ultime News

"La bellezza salverà il mondo", diceva il principe Miškin per mano dello scrittore russo Fëdor...

Attraverso un imponente progetto di restauro e riqualificazione, gli spazi dell’edificio...

Cagnolini nelle corsie degli ospedali pediatrici italiani e nelle scuole dell’infanzia, primarie e...

Abbiamo avuto il piacere di conoscere Margherita e Damiano Tercon - in arte I Terconauti - negli...

 Apre a Trevi (PG) la residenza d’artista organizzata dalla Federazione Nazionale delle...

Alcuni resoconti delle riunioni tra medici, infermieri e pazienti nell’ospedale di Gorizia furono...

Il progetto "Lo spazio che cura" è stato sviluppato dalla Fondazione Policlinico Sant'Orsola per...

Domenica 17 Marzo alle ore 11 si svolgerà a Roma presso la "Galleria Sonora" (Via Trebula, 5), la...

Sapevate che a Roma è presente il Museo Nazionale di Storia dell'Arte Sanitaria? Ideato dai...

ACCESSO ENTI